Il Maestro Vudù John Arkam

Magia Antica e Tradizioni Magiche: Storia della Magia Antica

L'arte della Magia antica rimonta molto addietro nel tempo, fin all'antica Persia. La parola "Magus" in persiano antico, appare per la prima volta su una iscrizione nella pietra del 515 A.C. a Béhistoun (antica Persia, attuale Iran). Tale iscrizione riportava le lodi di Darius (il primo re di Persia) che sconfisse nel 522 A.C. Gaumâta il mago che si era autoproclamato re dell'impero persiano.

In persiano antico la parola "mag" significava scienza, saggezza. Alcuni maghi erano preti e svolgevano diverse funzioni: interpretare i sogni, praticare la divinazione, fare sacrifici al Sole, alla Terra e alla Luna, al Fuoco, a l'Acqua e al Vento. Partecipavano anche al potere politico, facevano sacrifici e eseguivano rituali funerari. Come mostra una scultura di Kizkapan, essi portavano un copricapo che celava la bocca e officiavano su un altare di fuoco. La parola "Mago" esiste dunque in occidente fin dal quinto secolo A.C..

magia antica

Storia della Magia Antica

Nell'antico Egitto, Mesopotamia, Grecia e Roma, i praticanti di magia utilizzavano simboli, formule, immagini e riti per raggiungere l'obiettivo desiderato attraverso poteri sovrannaturali. Ricorrendo alla magia antica, essi cercavano di controllare i poteri sovrannaturali di dei e spiriti per compiere atti al di là delle capacità umane.

Contrariamente al libro Lunare di riti magici che si focalizzava in via prioritaria su riti non aggressivi e al libro standard di riti magici che era una mistura fra riti agggressivi e non, la magia antica diventa aggressiva in modo significativo e include i più poderosi combattimenti con spiriti ed entità varie.

Magia antica, arte magica antica

Fin dai tempi più remoti delle prime divinità, il soprannaturale, il potere della magia e l'uso della magia (incantesimi e maledizioni) hanno ampiamente caratterizzato le polazioni attraverso le culture. Molti reperti archeologici mostrare le prove di una pletora di antiche maledizioni e incantesimi di protezione, come la scoperta di compresse maledette, talismani contro malocchio e oggetti vari di protezione.

La storia delle maledizioni varia tra culture, luoghi, religioni, credenze e tempi; tuttavia lo scopo della maledizione è sempre stato univoco, quello di evocare un potere soprannaturale per infliggere disgrazie o punizione su un bersaglio preciso. Una maledizione, sia essa un malocchio, una iettatura , una fattura o altro incantesimo oscuro, può essere verbalizzata, scritta o lanciata attraverso un elaborato rituale. L'obiettivo è quello di fare in modo che il male colpisca il destinatario, causandogli sfortuna, danni materiali, fisici e morali talmente elevati da causare la morte o un destino terribile.

Nell'antichità le maledizioni hanno rappresentato un fenomeno potente, spesso interpretato come l'ira degli dei o la presenza di forze del male. Si credeva che, coloro che si trovavano in uno stato di maledizione, potevano ricorrere all'aiuto di praticanti di magia, sciamani, leader religiosi, guaritori o stregoni, affinché inibissero la maledizione attraverso rituali o preghiera. Un modo per evitare di essere maledetto, era in primo luogo quello di possedere alcuni amuleti di protezione. Lo scopo di un incantesimi o di una maledizioni era, come oggi, quello di punire o cambiare un comportamento o controllare le azioni di altre persone.

Le Maledizioni Egiziane

Le antiche maledizioni egiziane sono probabilmente le più note. Hanno guadagnato una grande notorietà nel 1922 quando si aprì la tomba del faraone Tutankhamon. Le morti misteriose di diverse persone che presenziarono all'apertura della tomba, sia del team di archeologi che degli osservatori e la vasta successiva pubblicità data a questi decessi, scatenò una tempesta di speculazione circa il potere delle maledizioni.

Alcune maledizioni sono state effettivamente trovati in tombe private dell'Antico Regno. Una tomba risalente alla 10° dinastia avverte "qualsiasi governante che ... deve fare il male o la malvagità di questa bara ... può Hemen (una divinità locale) non accettare tutte le merci che offre e può il suo erede non ereditare".

In realtà le maledizioni mortali in tombe reali dell'antico Egitto sono rare, come rara era l'idea che qualcuno potesse invadere o depredare una tomba. Gli "avvertimenti minacciosi" erano più frequentemente utilizzati per preservare la purezza rituale di una tomba, oppure a livello di protezione sacrale generalizzata.

Le Messe in Guardia da Maledizioni

Le maledizioni o la minaccia di oggetti maledetti, erano un metodo intelligente utilizzato per proteggere gli oggetti di valore. Durante il Medioevo si utilizzarono in modo efficace diversi testi di maledizione per tenere lontani i ladri da tomi preziosi e pergamene importanti. La Chiesa cattolica medievale possedeva molti di di questi scritti e la pena inflitta a chi li deturpasse o li rubasse era molto severa.

Le maledizioni scritte nei tomi avvertivano gli aspiranti ladri di ripercussioni terribili, come la scomunica o la dannazione. Questa pratica risale al periodo pre-cristiano ed è stata utilizzata nelle prime antiche librerie. I libri di una collezione della biblioteca di Ninive, in Mesopotamia, furono tutti segnati con varie maledizioni. In quello che si interpreta come una minaccia contro la "violazione del diritto d'autore", un testo riporta il seguente l'avvertimento: "Chiunque porta via questa tavola, o suole inscrivere il suo nome su di essa a fianco del mio nome, possono Ashur e Belit rovesciare su di lui la loro ira e di rabbia e possano distruggere il suo nome e la posterità sulla terra".

Il concetto di maledizioni e incantesimi si trova in vari libri sacri, come pure nella Bibbia cristiana stessa. La maledizione generazionale è quella più citata ed appare più volte: "Dio avverte che Egli è un Dio geloso che punisce i bambini per il peccato dei padri fino alla terza e alla quarta generazione di quelli che mi odiano". Il metodo consigliato per rompere la maledizione generazionale è di pentirsi e trovare la salvezza.(Esodo 20: 5; 34: 7; Numeri 14:18; Deuteronomio 5:9).

La famigerata infame Bibbia del Diavolo, un massiccio manoscritto che la leggenda dice essere stato scritto in una notte da un monaco, a seguito di un patto con il diavolo, cita: "Che siano maledetti e sfortunati tutti coloro che la possiedono".

Fatture Maligne, Stregoneria e Streghe

Mentre la storia dimostra che le credenze precristiane includono, sia il potere delle benedizioni della luce che le maledizioni, il concetto di maledizioni oscure adesso è spesso associato con la stregoneria e gli spiriti oscuri. Le "tavole malefiche" erano un modo con cui il popolo dell'antica società greco-romana cercò di sfruttare gli spiriti maligni e l'ira di potenti divinità per dannare i loro nemici. Magie vincolanti venivano incise nella superficie di sottili tavolette di piombo. Le tavolette venivano poi arrotolate, dei chiodi venivano inseriti in esse, quindi venivano collocate sottoterra. Finirono in fondo a dei pozzi, inchiodate alle pareti di templi o sepolte con i morti. A volte le tavolette appellavano gli dei inferi, Plutone, Ecate, o Persefone, mentre altre volte il testo citava semplicemente il nome della vittima su cui la sfortuna o la morte stava per abbattersi.

Su una tavoletta trovata a Londra si legge: "Io maledico Tretia Maria e la sua vita e la mente e la memoria e il fegato e i polmoni mescolati insieme e le sue parole, pensieri e la memoria; possa quindi lei non essere più in grado di parlare di cose nascoste, non essere in grado".

Antiche tavole risalenti a 1.600 anni trovate in Italia e recentemente tradotte, riportano parole malevoli e immagini spaventose che dovevano segnare la fine, sia per un senatore romano che un veterinario di nome Porcello. Un disegno della dea greca Ecate è stato inciso nella lastra di piombo con serpenti si contorcevano sulla sua testa. La maledizione recita: "Distruggi, schiaccia, uccidi, strangola Porcello e la moglie Maurilla. Che le loro anime, i cuori, le natiche, il fegato...."

La pratica della magia e della stregoneria è spesso associata con maledizione e pentagrammi malefici. Storicamente in Europa si è assunto che, se le colture erano rovinate, il cibo avariato inaspettatamente, era che la maledizione era dietro. Altro "prove" di maledizione erano cavalli che si azzoppavano, o vacche che non producevano più latte.

Le accuse di stregoneria erano un prodotto della tensione creata da tali eventi e molti innocenti, soprattutto donne, furono uccisi a seguito di processi alle streghe. Con la morte della strega si credeva la maledizione fosse rotta.

Il Malocchio

Il Malocchio è una maledizione molto antica e conosciuta in tutto il mondo. Risale al periodo Paleolitico superiore ed è ancora attuale oggigiorno in molte culture, in particolare il Medio Oriente, America Latina, Africa, America Centrale, Asia, Europa, e il bacino del Mediterraneo. Questo sguardo malevolo, o sguardo del Diavolo, è la causa di fortuna o lesioni. Si tratta di una maledizione spesso interpretata come causata da sentimenti di forte gelosia, dal possedere un particolare colore degli occhi, o di essere eccessivamente gretti ed avari.

Perché la fede nel potere del malocchio è così pervasiva in tutto il mondo, in molti paesi si utilizzano talismani e amuleti, volti a scongiurare la maledizione gnerata dal malocchio. Benché maledizioni e magie potrebbero apparire solo come mere "antiche superstizione", ancor oggi molti si armano ancora di amuleti e talismani di protezione contro gli effetti delle maledizioni.

Mentre il mondo scientifico si fa beffe dell'idea di maledizioni e malocchi, ritenendoli un pericolo inestistente, la scienza medica moderna è perfettamente in grado di dimostrare che il solo effetto nocebo - una reazione avversa psicogena ad una percezione o aspettativa - resta un fenomeno psicologico e fisiologico potente: "Se si precepisce e si crede veramente di essere maledetti e la fede è abbastanza potente, si può soccombere alla maledizione, sia che esiste nella realtà o meno".

Personalmente, poiché combatto il male sotto ogni sua forma da oltre trent'anni, conosco bene gli effetti malefici di malocchi e maledizioni. Tuttavia la scienza ufficiale continua imperterrita a negare la sua esistenza, salvo forse quando una maledizione si abbatte su un loro esponente!

Lo Studio della Magia

La magia, come la scuola moderna ha dovuto imparare ad ammettere a malincuore, è un tema realmente elusivo. Nessuna definizione di magia ha mai trovato un'accettazione universale e gli innumerevoli tentativi di separarla dalla religione da una parte e dalla scienza dall'altra, hanno generato pochi, se non nulli risultati.

Il problema è legato essenzialmente in ciò che una società etichetta come magia, un'altra come religione, un'altra ancora come scienza.

Lo studio della magia antica può insegnarci molto, non solo riguardo alle anziane società, ma anche relativamente alla natura umana ed alle sue strutture sociali in generale. Dopotutto la magia è un'altra manifestazione dell'innato desiderio umano di controllo: controllare il nostro habitat naturale, controllare il nostro panorama sociale e controllare anche il nostro destino. Le tecniche magiche possono essere state modificate nel corso degli ultimi quindici secoli, ma l'obiettivo resta invariato.

La Magia Protettiva e i Vasi Demoniaci Babilonesi

Entro la vasta categoria di magia protettiva, emerge una tradizione locale chiamata "i vasi demoniaci babilonesi". Questi recipienti di terracotta iscritti, vennero trovati in diversi siti archeologici in Iran e Irak, a partire dal VI e VII secolo D. C. e sono sconosciuti al di fuori di queste regioni. Normalmente sono iscritti in uno dei tre dialetti Aramaici: Aramaico Ebreo, Siriano o Mandaico, mentre alcuni pezzi sono noti essere iscritti in Persiano (Pehlevi).

La forma e la direzione delle iscrizioni varia: la più comune è a spirale e parte dal bordo del vaso per muovere verso il centro. Alcuni vasi sono iscritti sia all'interno che all'esterno. Inoltre, alcuni vasi portano iscrizioni in vari pseudo scritti, sia a causa del fatto che l'artigiano che ha creato il pezzo era analfabeta, oppure perchè il testo di per sé era ritenuto secondario e da recitarsi oralmente.

Mentre molti vasi mostrano piccoli segni privi di influenza, altri mostrano ben noti motivi di magia "internazionale", quali comuni nomi divini, familiari voces magicae e simboli come l'ouroboros o caratteri magici.

A partire dalla loro posizione di ritrovamento e dalle immagini demoniache che adornano numerosi vasi, sembrerebbe che siano stati ideati come trappole per démoni, per attirare, intrappolare ed annullare ogni spirito malefico, in modo da evitare che lo stesso potesse danneggiare uomini o proprietà. Sembra che queste trappole fossero spesso poste negli angoli delle stanze, dal momento che l'incontro fra muri e pavimento crea brecce attraverso le quali i démoni possono introdursi nelle case, un fatto che viene confermato anche dalla letteratura dedicata alla magia contemporanea.

In alcuni casi, le iscrizioni dei vasi rivelano che non sono state ideate come dispositivi di protezione ambientale, ma piuttosto come oggetti agressivi destinati ad inviare démoni al proprio nemico. Questi vasi potevano essere seppelliti nei cimiteri, ove abbondano fantasmi e spiriti maligni, oppure vicino alle dimore e proprietà dei nemici, per potenziare la loro efficacia e accuratezza.

La Magia Protettiva, gli Amuleti e i Talismani

Gli amuleti - dispositivi di protezione da indossare o piazzare accanto ad altri oggetti per proteggerli da vari spiriti maligni - sono stati comunemente usati in magia da tutte le società ed in ogni periodo dell'antichità. Il loro uso secolare fu riconosciuto come comune e normale da religiosi ed autorità scientifiche (ad esempio, psichiatri). Qualsiasi cosa può servire come amuleto: una piccola pietra portata attorno al collo, un piccolo pezzo di metallo o altro.

Questi amuleti potevano essere preparati a casa e non richiedevano alcuna capacità particolare. Data la loro natura mondana è spesso difficile, se non impossibile, identificare se si tratta di un reale amuleto legato alla magia o, piuttosto, di un comune pezzo di bigiotteria.

I pezzi della collezione dell'Università del Michigan, sono di una differente natura. A livello tecnico di esecuzione essi spaziano fra la cruda e la squisita esecuzione, ma la maggior parte di essi è troppo elaborata per essere stata eseguita da meri amatori. Nel loro contenuto, sia visuale che testuale, essi dimostrano la conoscenza e familiarità dell'ideatore verso immagini, metodi e idiomi di altri manufatti della magia internazionale nell'antichità. Così, ognuno può fruttuosamente comparare le istruzioni contenute in vari libri, con quelle di migliaia di amuleti e gemme antiche che sono giunte sino a noi.

Sfortunatamente, questi studi sono ostacolati dal fatto che questi manufatti spesso appaiono in mercati di antichità piuttosto che scavi archeologici documentati, lasciandoci senza alcuna indicazione esterna della reale data e provenienza. Oltre a ciò, esiste la difficoltà aggiuntiva di separare gli autentici pezzi da varie copie e contraffazioni moderne. In considerazione di queste difficoltà, non è stato fatto alcun tentativo da parte degli studiosi dell'Università del Michigan di assegnare una data specifica a molti degli amuleti e delle gemme della magia antica presenti nella collezione.

Vedi anche:

Magia Bianca

Strumenti di Magia Bianca

Magia Rossa

Magia Nera

la magia voodoo del maestro john arkam

Presidente del Voodoo Council dal 1998 il Maestro John Arkam opera da oltre un trentennio il Voodoo positivo, etico, per combattere il male in ogni sua forma. È mondialmente riconosciuto come il massimo esperto di negatività, nonché di ritualistica di Magia Voodoo Bianca e Rossa, la più potente magia in assoluto.

Hai un serio problema di negatività? Hai un problema relazionale, di coppia? Contatta il Maestro Arkam per un consulto gratuito.

Il Voodoo Council promuove nel mondo la pratica etica della magia Voodoo che esclude ogni sacrificio animale.

john arkam presidente del voodoo council

Il sito Web del Maestro Voodoo John Arkam è online dal 1995

Il sito storico di riferimento dedicato alla Religione Voodoo, alla Magia Voodoo, nonché alle arti magiche tradizionali. La professionalità non si inventa: la si ottiene con anni e anni di pratica e di esperienza!

la magia voodoo contro negatività, malocchio

NEGATIVITÀ E MALOCCHIO

I RITI PURIFICATORI DEL MAESTRO ARKAM

 

ELIMINARE IL MALOCCHIO

 

ELIMINARE LA NEGATIVITÀ

 

SCANNING ENERGETICO

 

RIEQUILIBRIO CORPO ENERGETICO

esorcismi voodoo del mago voodoo John Arkam

PRESENZE MALEFICHE

GLI ESORCISMI DEL MAESTRO ARKAM

 

INFESTAZIONE DEMONIACA

 

OPPRESSIONE DEMONIACA

 

POSSESSIONE DEMONIACA

 

TEST DI MALEFICIO- MALEDIZIONE

 

Il VOODOO DI JOHN ARKAM CONTRO IL TERRORISMO

The Guardian

Mago Vudù John Arkam, il più potente prete voodoo del mondo

Mr. John Arkam, the most powerful voodoo priest in the world, based in Togo, West Africa.

JOHN ARKAM TRA I MIGLIORI MEDIUM MONDIALI

Richard Scaletta

Mago Vudù John Arkam fra i migliori medium

I poteri medianici di John Arkam ottengono l'eccezionale risultato di 89/100 dal LACH di Gary Schwartz.

Articoli in Evidenza

facebook   twitter

Riflettore