Il Maestro Vudù John Arkam

I Rituali Voodoo di Fertilità e le Divinità Voodoo di Fertilità

poteri della magia voodoo positiva di john arkam

La Dea Voodoo dei riti Voodoo di fertilità

I riti della fertilità sono cerimonie magico-religiose volte ad assicurare un'abbondanza di cibo e la nascita di bambini. I riti di fertilità, espressi attraverso danze, preghiere, incantesimi e citazioni sacre, sono volti a controllare le forze della natura altrimenti imprevedibili. I riti di fertilità riproducono, in realtà o simbolicamente, atti sessuali e / o processi riproduttivi: sono una varietà di magia in cui le forze della natura devono essere influenzate dall'esempio operato nel rituale.

Nella religione Voodoo i rituali Voodoo di fertilità hanno una tradizione millenaria che si esprime invocando le forze della natura rappresentate da Loa Erzulie, Erzulie Fréda (chiamata anche Ezili o Erzuli) la dea Voodoo della bellezza e dell'amore. È il simbolo della fecondità, la madre del mondo che partecipa con le forze maschili alla creazione e al mantenimento dell'universo.

Rituali di fertilità e divinità di fertilità

Divinità di Fertilità

Nelle prime società agricole fenomeni naturali, come precipitazioni, la fecondità della terra e la rigenerazione della natura, sono state frequentemente personificate. Uno dei miti pagani più importanti era la ricerca della dea della terra per il suo bambino o amante perduto (o morto) (ad esempio Isisis e Osiris, Ishtar e Tammuz, Demeter e Persefone).

Questo mito, che simboleggia la nascita, la morte e la riapparizione della vegetazione, quando ha agito in un sacro dramma, era il rito della fertilità per eccellenza. Altri riti interessati alla produttività includono atti di magia simpatica, come appiccare incendi (simboleggia il sole), spargere organi riproduttivi di animali sui campi, esporre visualizzazioni di simboli fallici e riprodurre atti sessuali ritualizzati.

Si ritieneva che i sacrifici rilasciassero i poteri incorporati all'interno dell'oggetto sacrificale, dunque rendevano i campi o le foreste produttive laddove venivano eseguiti i sacrifici.

Molti antichi riti di fertilità sono tutt'ora operati in forme modificate, come la danza di Maypole derivata dai rituali di primavera che glorificavano il fallo.

Fertilità, culto pagano d'eccellenza

Durante l'antica storia del mondo, il politeismo - comunemente noto come paganesimo - era l'aspetto comune di tutte le società e civiltà. I nostri antenati avevano credenze complesse e diffuse che erano strettamente legate alla loro vita e alle loro incombenze quotidiane. Questa credenze si basavano sulla natura - sui cicli naturali annuali, sulla vita e la morte, sulla pioggia e il sole e, soprattutto, sulla fertilità.

Hanno personificato questi aspetti naturali e hanno attribuito loro nomi, immaginandoli come uomini e donne, potenti divinità che potevano essere placate affinché aiutassero nelle colture, nei parti, nella vittoria in guerre, ecc.

Oggi stiamo esplorando forse la convinzione più comune di queste antiche credenze, un culto che era la parte centrale di tutte le religioni pagane: la fertilità.

Poiché la natura collega in modo intrinseco la fertilità con la femminilità, le dee furono ampiamente venerate. Viaggiamo attraverso il mondo per cercare queste divinità della fertilità, partendo dalle madri amorevoli e seduttrici lussuriose invocate dai culti germanici europei alle viziose divinità sudamericane, fino alla danze naturali e pacifiche di miti slavi.

Le antiche origini delle divinità della fertilità

La forma femminile è stettamente connessa con la fertilità dalla natura stessa, dunque le prime forme di culto di fertilità nel mondo erano collegate esattamente a questa diretta connessione.

Nelle società paleolitiche si adoravano delle figurine materne di dee della fertilità, conosciute come figurine di Venere già 35.000 anni fa. Alcune di queste figure della fertilità risalgono a 300.000 anni e oltre.

Le dee della fertilità erano una delle componenti principali delle credenze primitive e si sono evolute nel tempo per elaborare culti potenti in società pagane più sviluppate.

Le donne, la terra e la fertilità erano spesso combinate fra loro e le divinità si sono evolute per garantire un raccolto generoso, un parto sicuro e la celebrazione della procreazione. L'adorazione della fertilità è stata un aspetto comune di molte delle culture pagane del mondo e questa lista è una buona visione di alcune delle più potenti e note divinità della fertilità.

Le più potenti e note divinità della fertilità

Mentre alcune divinità della fertilità assumono forme viziose e bestiali, la maggior parte di loro incarnava la bellezza e aveva caratteristiche femminili. La sessualità non è stata evitata, poiché era la fonte della vita e queste divinità celesti erano spesso coinvolte nelle preghiere per le gravidanze e l'amore.

La figura della madre è universale attraverso tutte le età e tutti i periodi della nostra storia e rappresenta un grande passo verso l'ulteriore sviluppo dei culti di fertilità.

Ostara

Ostara è una delle divinità tedesche più antiche e ampiamente attestate, associata all'imminente primavera e alla fertilità. Si trova riferimento in quasi tutte le nazioni germaniche, con le versioni in gran parte invariate del suo nome nel tedesco tedesco Anglo Saxone e altre lingue germaniche.

Ostara è la dea più antica, la dea dell'alba e della fertilità. La maggior parte degli studiosi concordano che Ostara è stata personificata sotto forma di un coniglio, al quale venivano offerti pasti come sacrifici. Il culto di Ostara sopravvive oggi nelle tradizionali dogane di Pasqua legate a lepri e uova, oltre al nome di Pasqua stesso in cui vive Ostara.

Hera

Hera rappresentava un'importante dea dell'antico Pantheon greco, una delle 12 principali divinità olimpiche e la sorella-moglie di Zeus. È la figura della madre, una dea di terra fertile, matrimoni, donne, parto e famiglia. Hera è stata una delle divinità più antiche della mitologia greca, con radici chiare a un'origine indoeuropea precedente alla greca.

Alcuni dei primi templi in Grecia sull'isola di Samos furono dedicati a lei. Ma è interessante notare che Hera era una strana dea, con molti miti che descrivono la sua costante gelosia e la natura vendicativa rivolta a suo marito Zeus che era conosciuto per adulterio.

Ad esempio, Hera odiava suo figlio illegittimo Ercole che ostacolava spesso e che tentò di uccidere. Ad li là di questo aspetto, la sua immagine era certamente femminile e associata a molti aspetti della fertilità fertili e della femminilità.

Dodola

Dodola è una divinità di fertilità della mitologia slava. associata al Dio maggiore Perun e conosciuta anche come Perperuna, è la divinità di fertilità della terra e della pioggia. I costumi relativi a Dodola sono numerosi attraverso il mondo slavo e sono rimasti in uso fino agli anni '50 e oltre. Perun è il Dio del tuono e Dodola la dea della pioggia, dunque strettamente correlati.

I rituali che onorano Dodola sono solitamente eseguiti da bambini, maschi e femmine che si adornano con foglie e cantano canzoni d'invocazione. Vengono spruzzati con acqua, nella speranza di attirare la pioggia e assicurare la fertilità della terra. Questo culto è collegato con le prime forme di fertilità della terra e la personificazione della pioggia.

Le canzoni a Dodola sono alcuni dei cimeli più ben conservati e offrono una visione importante della sopravvivenza della cultura del paganesimo slavo attuale.

Inanna

Una delle divinità più antiche della Terra, Inanna era l'antica dea mesopotamica dell'amore, della fertilità, della bellezza, del sesso, della giustizia e della guerra. Conosciuta come la regina del cielo, il culto di Inanna è sopravvissuto alla credenza babilonese, akkadian e assira sotto il nome di Ishtar.

Poiché questa dea era conosciuta e adorata già dal 4.000 A.C, ha influenzato naturalmente numerose divinità di fertilità dnel corso delle civiltà seguenti. Il suo culto è stato associato a riti sessuali e orge. Ishtar ha influenzato la dea dei fenici Astoreth, e da lì - l'Afrodite greca - entrambe divinità dell'amore, della passione e della procreazione. L'adorazione di Ishtar è sopravvissuta in alcune parti della mesopotamia superiore anche nel XVIII secolo, rendendolo uno dei più antichi culti sopravvissuti sul pianeta.

Kaltes-Ekwa

Kaltes Ekwa è una dea materna dei popoli ugrofinnici, popolazioni eurasiatiche appartenenti al gruppo ugrofinnico della più ampia famiglia linguistica uralica. Kaltes-Ekwa è la dea dell'alba e della fertilità ed è la moglie del dio supremo Num-Torum.

Personificato come una lepre, è la dea della luna e dell'alba e la patrona del parto; è una donna gentile, saggia madre, capace di scoprire i misteri della vita.

Nerthus

Nerthus, o Nerþuz, era la grande dea della fertilità delle tribù germaniche, descritte in dettaglio da Tacito nel suo lavoro "Germania" del primo secolo AD.

Nerthus è comune a tutte le tribù minori del gruppo germanico dei Suebi e di altre tribù.

Tacito ci dice che la dea Nerthus è venerata su un carro tirato da due giovenche; Il carro è curato da sacerdoti, poiché le giovenche apparentemente vagano volentieri intorno ai villaggi, il che li personificata come la volontà della dea stessa.

Nerþuz è molto probabilmente la controparte femminile del vecchio Dio Njörðr, associato alla fertilità dei raccolti.

Gli schiavi che lavano il carro nel Sacro Lago venivano annegati, apparentemente per accentuare il mistero e creare un'illusione che testimoniava l'importanza della Dea venerata.

Freyja

Questa Dea norvegese è una delle divinità germaniche più conosciute collegate con fertilità, sesso, bellezza, amore e stregoneria. Il suo nome significa "la signora" e in numerosi miti ha una natura piuttosto promiscua, poiché offre il suo corpo liberamente. Freyja è collegato a numerose leggende e ha diversi attributi chiave.

Freyja cavalca un carro che viene tirato da due gatti e ha un cinghiale al suo fianco (Hildisvíni). Questa dea della fertilità presiede sopra Fólkvangr, un prato celeste in cui riceve metà dei guerrieri che cadono in battaglia, mentre l'altra metà è accolta da Odino nel Valhalla.

Attraverso questo concetto, è collegata anche alle Valchirie. Il suo culto era estremamente importante in Germania e Scandinavia.

Taweret

Antica divinità egiziana protettrice del parto e della fertilità, Tawelet è certamente una delle divinità più singolari del mondo antico. Viene visualizzata sotto forma di un grande ippopotamo in verticale, con gambe feline, seni femminili cadenti e una coda di coccodrillo! La sua forma bestiale e spaventosa faceva parte integrante del suo ruolo protettivo: si pensava che la sua apparenza spaventosa respingesse i demoni per proteggere i bambini appena nati.

Il culto di Taweret ha avuto una lunga storia e una vasta popolarità nell'antico Egitto e veniva considerata la più famosa patrona delle donne. La sua adorazione risale al 2600 A.C., rendendola una delle più antiche deesse in assoluto. La sua forma animale ci mostra una connessione importante che gli antichi egizi avevano con la natura intorno a loro: poiché gli ippopotami erano ritenuti pericolosi, di conseguenza venivano adorati.

Xochiquetzal

Xochiquetzal era una delle principali divinità della mitologia Azteca ed era collegata a fertilità, bellezza, parto e potenza sessuale femminile. Era la protettrice di donne, prostitute, giovani madri e donne incinte.

A differenza dei sacrifici umani che erano parte comune degli Aztechi, Xochiquetzal era venerata in modo ben più naturale, con cerimonie che prevedevano fiori, farfalle e maschere che riproducevano animali. Era interpretata come una donna giovanile e lussureggiante. Xochiquetzal era la madre di Quetzalcoatl, una delle principali divinità degli Aztechi. I suoi attributi erano desiderio, piacere, ricchezza, eccesso e bellezza.

Živa

Živa, nota anche come Zizileya, era una grande dea degli slavi. Era associata alla vita e alla fertilità. Il suo nome significa "viva, vivente, essere, esistente". Živa era una figura materna primordiale e una grande dea in tutto il mondo slavo, con i principali centri di culto tra gli slavi polavi e occidentali.

Uno dei suoi attributi è una mela d'oro, una comune caratteristicaslava che fa parte di numerosi miti. Il suo nome e i miti legati a lei sono in gran parte correlati alla divinità Sif, una radice comune molto anziana forma di un culto materno della fertilità.
In Bielorussia è stata anche considerata una dea della terra, mentre in Serbia aveva un ruolo di protetttrice di bambini, di portatrice di vita. Le venivano offerte ghirlande di fiori. La sua forma era quella di una bella donna..

Madre Natura: Dea della fertilità

La vita era dura nei tempi antichi. Dalle dure condizioni di sopravvivenza del Paleolitico, all'antichità classica di guerriero ad oltranza, la vita non è mai stata una certezza. Al fine di garantire la prole e implorare la Terra affinché fornisse un buon raccolto, i nostri antenati avevano bisogno di figure da adorare e implorare e queste figure erano molto spesso le divinità di fertilità. Protettrici di parti, di colture e portatrici di pioggia - queste divinità della fertilità hanno assunto e soddisfatto molti ruoli nel corso dei secoli.

Eppure dietro di loro, responsabile della vita e della morte, delle difficoltà e del successo, non differiscono dalla dea originale della fertilità: madre natura!

Visiona tutti i miei articoli sulla Religione e Magia Vudù, così capirai meglio la vera essenza del Voodoo

Magia Voodoo Positiva

Capire il Voodoo

Divinità Voodoo

Religione Voodoo

Storia del Voodoo

Rituali Voodoo

Riti Voodoo di Salute

Immagini Voodoo

la magia voodoo del maestro john arkam

Presidente del Voodoo Council dal 1998 il Maestro John Arkam opera da oltre un trentennio il Voodoo positivo, etico, per combattere il male in ogni sua forma. È mondialmente riconosciuto come il massimo esperto di negatività, nonché di ritualistica di Magia Voodoo Bianca e Rossa, la più potente magia in assoluto.

Hai un serio problema di negatività? Hai un problema relazionale, di coppia? Contatta il Maestro Arkam per un consulto gratuito.

Il Voodoo Council promuove nel mondo la pratica etica della magia Voodoo che esclude ogni sacrificio animale.

john arkam presidente del voodoo council

Il sito Web del Maestro Voodoo John Arkam è online dal 1995

Il sito storico di riferimento dedicato alla Religione Voodoo, alla Magia Voodoo, nonché alle arti magiche tradizionali. La professionalità non si inventa: la si ottiene con anni e anni di pratica e di esperienza!

la magia voodoo contro negatività, malocchio

NEGATIVITÀ E MALOCCHIO

I RITI PURIFICATORI DEL MAESTRO ARKAM

 

ELIMINARE IL MALOCCHIO

 

ELIMINARE LA NEGATIVITÀ

 

SCANNING ENERGETICO

 

RIEQUILIBRIO CORPO ENERGETICO

esorcismi voodoo del mago voodoo John Arkam

PRESENZE MALEFICHE

GLI ESORCISMI DEL MAESTRO ARKAM

 

INFESTAZIONE DEMONIACA

 

OPPRESSIONE DEMONIACA

 

POSSESSIONE DEMONIACA

 

TEST DI MALEFICIO- MALEDIZIONE

 

Il VOODOO DI JOHN ARKAM CONTRO IL TERRORISMO

The Guardian

Mago Vudù John Arkam, il più potente prete voodoo del mondo

Mr. John Arkam, the most powerful voodoo priest in the world, based in Togo, West Africa.

JOHN ARKAM TRA I MIGLIORI MEDIUM MONDIALI

Richard Scaletta

Mago Vudù John Arkam fra i migliori medium

I poteri medianici di John Arkam ottengono l'eccezionale risultato di 89/100 dal LACH di Gary Schwartz.

Articoli in Evidenza

facebook   twitter

Riflettore